Storia della Groenlandia

La storia della Groenlandia (chiamata anche Groenlandia o Groenlandia), l’isola più grande del mondo, è la storia della vita in condizioni artiche estreme: una calotta glaciale copre l’84% del territorio dell’isola, limitando l’attività umana alle coste. La Groenlandia era sconosciuta all’Europa fino al X secolo, quando fu scoperta dai vichinghi islandesi. Prima di questa “scoperta”, l’isola era già abitata da popolazioni artiche, anche se era disabitata quando arrivarono i Vichinghi: gli antenati diretti dei moderni Inuit (anticamente chiamati Eschimesi) non arrivarono sull’isola fino all’anno 1200. Gli Inuit erano gli Inuit. gli unici ad abitare l’isola per secoli, ma, ricordando la colonizzazione vichinga, la Danimarca rivendicò la sovranità sul territorio e lo colonizzò dal XVIII secolo. Ha così ottenuto privilegi come il monopolio commerciale.

Durante la seconda guerra mondiale, la Groenlandia si separò, sia socialmente che economicamente, dalla Danimarca, avvicinandosi agli Stati Uniti e al Canada. Dopo la guerra, il controllo dell’isola tornò alla Danimarca, ritirando il suo status coloniale, e sebbene la Groenlandia resti parte del Regno di Danimarca, è stata autonoma dal 1979. L’isola è l’unico territorio che ha lasciato l’Unione Europea, se come oltre ad avere lo status di stato associato.

Monumenti storici

Migliaia di anni fa, le tribù asiatiche sono entrate in Nord America. Alcuni sono andati a sud. Altri rimasero nelle regioni artiche dell’Alaska, del Canada e della Groenlandia, vivendo come popoli nomadi, conosciuti come Eskimos o Inuit.

L’andamento del tempoevento storico
2500 aC – 1300 dCArrivo dei primi umani nella Groenlandia nordoccidentale – Culture Paleoeskimo: cultura Saqqaq e cultura Dorset
900 d.C. – 1700 d.C.Cultura Thule – Antenati dell’attuale popolo Inuit
X secoloArrivo degli scandinavi nel sud-ovest e nell’ovest della Groenlandia
XIII secoloArrivo del popolo Thule nella Groenlandia occidentale – Contatto con il popolo del Dorset e gli scandinavi.
XIII secoloI coloni scandinavi riconoscono la sovranità del re di Norvegia e del re di Danimarca.
15 ° secoloFine degli insediamenti scandinavi
16 ° secoloViaggi di riconoscimento europei in Groenlandia – portoghese, inglese e olandese
18mo secoloNuova colonizzazione norvegese-danese
19esimo secoloGroenlandia – una colonia danese
20 ° secoloLa Groenlandia si trasforma da colonia danese a regione autonoma danese (  Hjemmestyre  ).

Immigrazioni Inuit

La preistoria della Groenlandia è la storia di ripetute immigrazioni Inuit dalle terre del Nord America. Una delle costanti di queste culture era sopravvivere nei limiti estremi, con culture che arrivavano e lasciavano l’isola per secoli. Prima dell’esplorazione scandinava della Groenlandia, l’archeologia può fornire solo date approssimative di queste immigrazioni:

  • La cultura Saqqaq: 2500 a.C. – 800 a.C. (Groenlandia meridionale)
  • La cultura dell’indipendenza I: 2400 a.C. – 1300 a.C. (Groenlandia settentrionale)
  • La cultura dell’indipendenza II: 800 a.C. – 1 a.C. (estremo nord della Groenlandia)
  • La prima cultura del Dorset o cultura del Dorset I: 700 a.C. – 200 d.C. (Groenlandia meridionale)

Dopo il crollo della cultura del Dorset, l’isola rimase disabitata per secoli.

La caccia e la pesca sono sempre state attività molto importanti in Groenlandia. L’orso polare è una delle specie che popolano quest’isola.

insediamento nordico

Secondo le saghe nordiche, la Groenlandia fu scoperta intorno all’anno 900 dal navigatore norvegese Gunnbjörn Ulfsson. Durante gli anni ’80, i vichinghi che si stabilirono in Islanda furono i primi visitatori europei in Groenlandia, esplorando la costa sud-occidentale disabitata dell’isola.

L’esplorazione definitiva prima della sua colonizzazione avvenne quando Eric il Rosso fu esiliato dall’Islanda dopo aver ucciso un vicino, navigando verso la Groenlandia, dove trascorse tre anni esplorando la sua costa. Alla fine della sua condanna, è tornato in Islanda per attirare la gente sull’isola. Il nome attuale, Groenlandia (Grønland), trae origine, secondo alcuni, da questo interesse a colonizzarla (gli Inuit chiamano l’isola Kalaallit Nunaat, “La Nostra Terra”). Alcuni sosterrebbero, d’altra parte, che le coste in questione fossero letteralmente verdi (“grøn” significa verde) in questo periodo, a causa del grande clima prevalente nel periodo medievale. Altri ancora sostengono che il nome fosse forse, soprattutto, un “esca” per attirare più persone nell’insediamento: il nome sarebbe stato, insieme a quello di Iceland (che letteralmente significa “terra di ghiaccio”), un trucco dei Vichinghi.

La data di costituzione della colonia (secondo le saghe) era nel 985, quando 25 barche partirono con Eric il Rosso dall’Islanda, di cui solo 14 sarebbero arrivate senza intoppi in Groenlandia. Questa data è stata confermata approssimativamente dai test al carbonio-14 effettuati sui resti archeologici rinvenuti nel primo insediamento di Brattalid (Brattahlid, l’attuale Qassiarsuk), che hanno dato una datazione intorno all’anno 1000. Secondo la leggenda, era quest’anno 1000 quando il figlio di Érico Leif Ericsson lasciò l’insediamento per scoprire Vinlandia (è generalmente accettato che fosse Terra Nova).

La colonia nordica raggiunse tra i 3.000 ei 5.000 abitanti, inizialmente in due insediamenti: il più grande era l’Insediamento Orientale (Eystribyggd), dove si trovava Brattalid, la residenza di Érico; l’altro era l’insediamento occidentale (Vestribyggd), con una popolazione massima di circa 1000 persone). L’occupazione del territorio avveniva per mezzo di fattorie, di cui erano circa 400. Fu un’importante colonia (la popolazione della Groenlandia oggi è solo 56.000), che commerciava con l’Europa in avorio dalle zanne di tricheco, nonché come esportare corde, pecore e bovini e pelli di foca. La colonia dipendeva dall’Europa per la fornitura di ferro e forse legname per la costruzione. Le barche commerciali viaggiavano ogni anno in Groenlandia dall’Islanda e occasionalmente dalla Norvegia.

Nel 1126 fu fondata una diocesi a Gardar (Garðar, ora Igaliku). È stata opera dell’arcidiocesi norvegese di Trondheim; almeno cinque chiese vichinghe sono state trovate in Groenlandia grazie a lavori archeologici. Nel 1261 la popolazione accettò la sovranità norvegese, pur mantenendo le proprie leggi. Nel 1380 il regno di Norvegia si unì al regno di Danimarca.

Tuttavia, la colonia scandinava non prosperò. L’insediamento occidentale fu abbandonato intorno al 1350, a causa del progressivo peggioramento delle condizioni meteorologiche, e anche a causa della pressione territoriale che i Thule Inuit iniziarono ad esercitare. Nel 1378 non c’era più un vescovo a Garðar. È probabile che l’insediamento orientale sia scomparso nel XV secolo, anche se non esiste una data precisa. I test sul carbonio radioattivo hanno dato la data 1430 ± 15. 1 Probabilmente un cambiamento climatico (chiamato Piccola Era Glaciale) ha causato la scomparsa della colonia. Un’altra teoria è che il terreno è stato sfruttato fino all’esaurimento e non è più fertile. Un’altra causa che si suggerisce abbia contribuito è stata che il commercio di avorio dal Sahara ha eliminato il mercato dell’avorio di tricheco. La mancanza di adattamento dei norvegesi alle nuove condizioni è stata in parte confutata da nuove indagini che mostrano che hanno cambiato la loro dieta basata sull’80% di cibo di fattoria per l’80% di cibo marino. 1 Altre teorie hanno collegato la riduzione della popolazione alla peste nera, o ai pirati baschi o inglesi.

I documenti scritti più recenti dei Vichinghi in Groenlandia corrispondono a un matrimonio nel 1408 nella chiesa di Hvalsey, che è oggi la rovina meglio conservata di quel tempo.

Culture del tardo Dorset e cultura Thule

Probabilmente i norvegesi non erano le uniche persone sull’isola al momento del loro arrivo. La gente del Dorset probabilmente si stabilì prima di loro. Tuttavia, queste persone si stabilirono nell’estremo nord-ovest della Groenlandia, lontano dagli insediamenti vichinghi che si trovavano sulle coste occidentali. Le prove archeologiche indicherebbero la presenza di questa cultura poco prima degli insediamenti islandesi. Questa cultura scomparve intorno all’inizio del XIII secolo, quasi contemporaneamente alla presenza nordica in Occidente. Si stima che ci siano tra le quattro e le trenta famiglie del Dorset che si sono incontrate periodicamente alla fine dei loro cicli di sfollamento.

Intorno al 1200 si stabilì un’altra cultura artica, i Thule, che arrivarono da ovest e che erano arrivati ​​in America 200 anni prima dall’Alaska. Si stabilirono a sud della cultura del Dorset occupando vaste aree sulle coste orientali e occidentali della Groenlandia. Questi sono gli antenati degli attuali Inuit, erano facili da adattare e cacciavano qualsiasi preda disponibile sulla terra o sul mare. Conservavano grandi quantità di cibo per evitare la fame durante l’inverno. La prima Thule evitò le alte latitudini, popolate solo con l’arrivo di nuove migrazioni dal Canada nel XIX secolo.

Non è chiaro che tipo di contatto avessero gli insediamenti Thule, Dorset e Norreni, ma certamente includevano scambi di merci. Delle tre culture che abitavano la Groenlandia in questo momento, solo Thule è sopravvissuta fino ad oggi. Il livello di contatto è attualmente oggetto di dibattito, incluso eventualmente il commercio con i popoli Thule o Dorset in Canada. Nessun oggetto vichingo è stato trovato nei siti archeologici del Dorset. Alcune storie parlano di conflitti armati, che potrebbero aver contribuito alla scomparsa dei norvegesi e del Dorset dalla Groenlandia, ma questa ipotesi non trova consenso.

I Thule erano cacciatori di balene, come descritto dal missionario norvegese Hans Egede nel XVIII secolo

colonizzazione danese

Nel 1536, Danimarca e Norvegia si unirono ufficialmente e la Groenlandia venne considerata un’altra dipendenza danese. Anche quando non c’era quasi nessun contatto, il re danese continuò a rivendicare il suo dominio sull’isola. Nel 1660, un orso polare fu incluso nello scudo danese. Durante il XVII secolo, la caccia alle balene portò le navi tedesche britanniche e olandesi in Groenlandia, dove lavorarono le balene ormeggiate sulla riva, ma non fu stabilito alcun insediamento permanente. Nel 1721 una spedizione mercantile e religiosa organizzata dal missionario norvegese Hans Egede fu inviata in Groenlandia, preoccupata di non sapere se sull’isola vi fossero ancora coloni europei e se questi, arrivati ​​prima della riforma, fossero ancora cattolici. La spedizione faceva parte della colonizzazione danese delle Americhe. Poco per volta, La Groenlandia si è aperta al commercio con le società danesi e ha chiuso quelle di altri paesi. Questa nuova colonia era centrata su Godthåb (“Buona Speranza”) sulla costa sud-occidentale. Gli abitanti Inuit della periferia della colonia si convertirono alla fede cristiana.

Quando la Norvegia si separò dalla Danimarca nel 1814 dopo le guerre napoleoniche, le colonie, inclusa la Groenlandia, passarono sotto il controllo danese. Durante il XIX secolo la Groenlandia era un punto di interesse per esploratori polari e scienziati come William Scoresby e Knud Rasmussen. Allo stesso tempo, fu affermata la colonizzazione danese e le missioni ebbero un discreto successo. nel 1861 fu pubblicato il primo periodico in lingua inuktitut. Tuttavia, la giustizia danese si applicava solo ai coloni.

Fino all’inizio del XIX secolo, la Groenlandia rimase spopolata al di sopra degli 81° N di latitudine; l’unica presenza in questa zona erano i cacciatori, che costruivano rifugi per proteggersi mentre svolgevano i loro affari. La situazione cambiò fino alla metà del secolo con l’immigrazione dal Canada di famiglie Inuit che si stabilirono in quella zona. Gli ultimi gruppi arrivarono in Groenlandia nel 1864. Nello stesso periodo le condizioni commerciali ed economiche declinarono, così l’est dell’isola iniziò a spopolarsi.

Tra il 1862 e il 1863 si tennero per la prima volta in Groenlandia elezioni democratiche per eleggere i rappresentanti distrettuali e nel 1911 furono creati due Landsting (consigli), uno a nord e uno a sud, che si unirono nel 1951. le decisioni importanti per l’isola furono prese a Copenaghen, dove gli abitanti della Groenlandia non avevano rappresentanza.

Hans Egede, missionario norvegese in Groenlandia

Importanza strategica

Dopo che la Norvegia ottenne l’indipendenza nel 1905, rifiutò di accettare la sovranità danese sulla Groenlandia, che molti norvegesi consideravano un antico possesso del loro paese. Nel 1931, il baleniere norvegese Hallvard Devold occupò di sua iniziativa la parte orientale (disabitata) della Groenlandia. Successivamente, l’occupazione fu sostenuta dal governo norvegese. Due anni dopo, la Corte internazionale di giustizia ha votato a favore della richiesta danese, che è stata poi accolta dalla Norvegia.

Durante la seconda guerra mondiale, quando la Germania estese le sue operazioni belliche alla Groenlandia, Henrik Kauffmann, ambasciatore danese negli Stati Uniti – che si rifiutò di riconoscere l’occupazione tedesca della Danimarca -, firmò il 9 aprile 1941 un trattato con gli Stati Uniti, che consentiva le sue forze armate per stabilire basi in Groenlandia. A causa dei problemi che la Danimarca ebbe nel governare l’isola durante la guerra, e per il successo ottenuto nell’esportazione (soprattutto di criolite), la Groenlandia iniziò a godere di uno status più indipendente. Le loro forniture erano garantite dagli Stati Uniti e dal Canada.

Durante la Guerra Fredda, la Groenlandia aveva un’importanza strategica, controllando parte degli accessi tra i porti artici sovietici e l’Oceano Atlantico, oltre ad essere una buona base per osservare i possibili usi dei missili balistici intercontinentali, che dovevano sorvolare il Artico. La base aerea di Thule (ora chiamata Qaanaaq) nel nord-ovest divenne una base aerea permanente. Nel 1953, alcune famiglie Inuit furono costrette dalla Danimarca a lasciare le loro case per fare spazio all’espansione della base. Per questo motivo la base è stata fonte di attrito tra il governo danese ei groenlandesi. Questi problemi crebbero il 21 gennaio 1968, quando si verificò un incidente nucleare (un bombardiere B-52 che trasportava quattro bombe all’idrogeno si schiantò vicino alla base, lasciando fuoriuscire grandi quantità di plutonio sul ghiaccio). Sebbene la maggior parte del plutonio sia stata rimossa,

La base aerea di Thule, fondata durante la seconda guerra mondiale, è la base aerea statunitense più settentrionale del pianeta.

Il governo locale

Lo status coloniale della Groenlandia fu rivisto nel 1953, quando divenne parte integrante del regno danese, con rappresentanza nel Folketing (parlamento danese). La Danimarca ha anche avviato un programma per fornire servizi medici e educativi ai groenlandesi. Ciò ha portato ad una maggiore concentrazione della popolazione nelle città. Poiché la maggior parte degli abitanti sono pescatori, la disoccupazione è aumentata, così come altri problemi sociali.

Quando la Danimarca iniziò a partecipare alla Cooperazione Europea, divenuta poi Unione Europea, sorsero nuovi attriti con l’ex colonia. La Groenlandia riteneva che le restrizioni doganali dell’Unione europea sarebbero state dannose per il suo commercio, principalmente diretto ai paesi americani. Dopo l’ingresso della Danimarca, inclusa la Groenlandia, nel sindacato del 1973 (nonostante il fatto che i groenlandesi abbiano votato “no” del 74% in un referendum locale sulla questione), molti residenti hanno ritenuto che la loro rappresentanza a Copenaghen non fosse sufficiente e i partiti locali hanno fatto pressione per -gestione. Folketing acconsentì nel 1978 alla creazione di un governo locale nel 1979. Il 23 febbraio 1982, con una maggioranza del 53%, i groenlandesi votarono per la separazione dall’Unione Europea, che entrò in vigore nel 1985. Fino ad allora. al momento,

Il governo locale della Groenlandia si presenta come una nazione Inuit. I toponimi danesi sono stati sostituiti da nomi locali. Godthåb, il centro della civiltà danese sull’isola, è ora chiamata Nuuk, la capitale di un governo quasi sovrano. Nel 1985 è stata istituita la bandiera della Groenlandia , utilizzando i colori della bandiera danese, il Dannebrog. Tuttavia, il movimento verso la piena sovranità non ha ancora ottenuto consenso.

Le relazioni internazionali, precedentemente gestite dalla Danimarca, sono ora per lo più gestite a livello locale. Dopo essersi separata dall’Unione europea, la Groenlandia ha firmato trattati speciali con l’Unione e ha anche aderito a varie questioni con l’Islanda, le Isole Faroe, nonché la popolazione Intuit del Canada e della Russia. È anche membro fondatore dell’organizzazione ambientale Arctic Council (1996). Si attende la rinegoziazione del trattato del 1951 tra Danimarca e Stati Uniti, questa volta con la partecipazione del governo locale della Groenlandia. La base aerea di Thule dovrebbe anche diventare una stazione di localizzazione satellitare di proprietà delle Nazioni Unite. [1][link in basso]

La tecnologia moderna ha reso la Groenlandia più accessibile, non solo per la sua base aerea. Tuttavia, la capitale, Nuuk, non dispone ancora di un aeroporto internazionale. Le prime stazioni televisive della Groenlandia sono state create nel 1982.

Leave a Reply